Il Network Marketing non sta attraversando uno dei momenti migliori, e questo a causa di Business Online troppo azzardati, molte persone attratte dal guadagno facile si sono improvvisate Networker e hanno bruciato reti intere ma soprattutto grandi amicizie.

Molti ancora eccitati dalla possibilità di guadagnare facilmente, si sono avvicinati al mondo del Network Marketing tradizionale pensando fosse altrettanto facile avere successo, ma poi si sono scontrati con la dura realtà della duplicazione efficace e della promozione di se stessi.

Nel Network marketing possiamo notare due tipi di Branding, il Brand dell’azienda per la quale lavoriamo (su cui possiamo fare poco) e il personal branding.
Mi capisci, dopo parecchi fallimenti è difficile ricominciare ed essere credibili, e anche se la maggior parte era in buona fede, non erano proprio tutti esenti da colpe.

Per questo motivo ho deciso di fare qualche domanda a Ivan Bianco, un professionista del Network marketing, della formazione personale e con un Personal Brand talmente forte da fare gola a qualsiasi azienda.
L’ho contattato, gli ho spiegato se potesse dare alcuni consigli a chi vuole avere successo nel Network Marketing, è stato molto disponibile e simpatico e ve lo presento con molto piacere.

Buongiorno Ivan, finalmente ho il piacere di conoscerti, grazie al nostro blog Biz & Bit riceviamo tante richieste e ci chiedono tanti consigli, alcuni mi hanno parlato di te come un grande Networker e mi fa piacere incontrarti per farti qualche domanda, cominciamo subito:

E’ possibile ricominciare dopo un fallimento?

Intanto Buongiorno a tutti voi, è un piacere rispondere a questa domanda, secondo me non solo è possibile ma è assolutamente necessario per arrivare alla consapevolezza che solo dopo innumerevoli fallimenti incontri il grande, vero successo.

Sono molti gli esempi di grandi uomini e donne diventati leggende grazie a questo, del resto, la caratteristica primaria di un Leader, quando incontra l’opportunità, è proprio quella di intraprenderla ed agire immediatamente, allora possono accadere due cose, o si ha successo o, appunto, si fallisce.  Se si ha successo si prosegue sulla strada intrapresa, se si fallisce, si cambia correggendo il tiro avendo però accumulato una importante esperienza per il futuro, si sa esattamente ciò che non funziona, ti pare poco?

Caro Ivan, chiacchierando ho capito che nella tua esperienza ventennale ne hai viste di cotte e di crude ci puoi raccontare come hai iniziato, quando hai iniziato, e dopo quanto hai invece incominciato a guadagnare?

Sì, la mia esperienza con il Network Marketing è iniziata nel 1993, all’età di 33 anni, quando da cliente fui affascinato e piacevolmente sorpreso di come un ragazzo di 13 anni più giovane di me stesse illustrandomi il suo piano di vendita in modo a dir poco melodioso, ineccepibile, rimasi affascinato dal servizio che mi stava illustrando e soprattutto dal modo con il quale mi aveva coinvolto, capii che non poteva essere frutto del caso ma di una eccellente preparazione, ero incantato e gli chiesi se avessi anche io potuto imparare quel mestiere, da li fui invitato ad un colloquio e partecipai ad un seminario di due giorni.

Rimasi sconvolto dalle informazioni che ricevetti, dalla positività che si respirava in quell’ambiente e dall’organizzazione impeccabile di chi conduceva il seminario, mi piacquero i relatori, il contesto, gli esempi di guadagno che vidi proiettati sullo schermo e le prospettive di carriera e guadagno ottenibili da chiunque lo desiderasse.

Alla fine del corso espressi ai responsabili di quel mio primo seminario la mia unica perplessità dicendo loro: “Voi sentirete molto parlare di me, ho una volontà assoluta e il lavoro è la mia vita ma ho un solo timore, vedete, non so se sarò in grado poiché non ho conseguito lauree, ho soltanto la licenza media

Mi risposero: “Non si preoccupi signor Bianco perché man mano che crescerà potrà avere tutta la formazione che le serve”.

“Bene”, dissi, “allora non ci sono problemi, se voi m’insegnate, io imparo”.

Fu così che iniziai il mio percorso, da principio part time e, dopo il primo corso di formazione “La sfida della guida”, al quale partecipai a Venezia, la mia vita cambiò per sempre, ricevetti talmente tanto di buono in quel corso da giurare a me stesso che un giorno, presto, sarei stato io li in mezzo a quel ferro di cavallo per portare la mia esperienza e il mio aiuto alle persone che volevano guadagnarsi una vita straordinaria.

Avevo una azienda, artigiano falegname, tornato dal primo corso, decisi di regalarla e seguire ciò che mi riempiva il cuore, mi dissi: “È tutta la vita che faccio quello che dicono gli altri e non sono felice di come va, adesso voglio fare ciò che decido io, se sbaglio, pagherò, pazienza”.

Avevo deciso!

Da li iniziò la mia ascesa al successo che coronai con il più grande dei riconoscimenti: “Palma d’oro” ricevuta a Cannes come miglior Top Leader di quella Azienda nel 2003.

I guadagni mi hanno sempre sostenuto e permesso di vivere bene ma i veri importanti guadagni sono arrivati dopo 3 anni e mezzo, quando ad un altro corso  capii finalmente che non ha senso impegnarsi ad aiutare persone che non sono disposte ad essere aiutate e non si può spingere nessuno su per le scale.

Perché la maggior parte dei networker non riesce a guadagnare e quali sono gli errori più frequenti?

Sono tutte domande che lasciano spazio ad intere pagine come risposta, per questo scriverò un libro, magari con il tuo aiuto, ma per rispondere in modo conciso e diretto direi che le caratteristiche principali che deve avere un Networker oltre ad onestà e trasparenza sono umiltà, disponibilità ad imparare e  lasciarsi guidare.

Quali sono le difficoltà che incontrerà chi decide di iniziare questo tipo di attività?

Anche questa è una domanda apertissima, tuttavia mi sento di rispondere che dipende molto dallo stato in cui si trova la persona che inizia.

Quali sono i primi passi che consigli a un novello del Network oppure a una persona che vuole ripartire da zero?

Di trovare una azienda seria, con un prodotto che lo appassioni, che abbia dei Leader con una ottima reputazione e provata esperienza e che preveda uno specifico piano di Formazione per la crescita personale e professionale.

E cosa consigli invece a chi ha già una certa esperienza ma non riesce a fare il salto di qualità?

Di continuare a correggere il tiro dopo avere fatto un’attenta auto analisi di ciò che non ha funzionato per lui in passato e di affidarsi all’esperienza di chi ha continuamente risultati dimostrabili. Molto probabilmente questa persona è arrivata fino a li grazie alle sue proprie qualità ma non ha ricevuto una adeguata formazione; purtroppo, quella della formazione è una delle più grandi lacune di moltissimi network in tutto il mondo.

Secondo te è possibile per chiunque diventare un networker di successo?

NO, ci arriva solo chi lo vuole veramente ed è disposto a pagare il prezzo che comporta ottenere il successo.

 

Ivan, Ti ringrazio a nome di tutto lo staff e di tutti i lettori di Biz & Bit, spero che chiunque legga queste informazioni e le faccia fruttare, inoltre mi auguro che in futuro ci siano altre occasioni per dare qualche spunto ai nostri lettori, ed aiutare chi vuole veramente emergere in questo settore.

Vi auguriamo una buona settimana.

Ivan Bianco

& Ale Biz