Biz & Bit come vi aveva promesso è alla ricerca di una soluzione per i propri lettori che pensano di essere vittime di truffe online, passate o future.
In un articolo precedente, abbiamo parlato delle 3 soluzioni che a nostro avviso rimangono come proseguibili.

La risposta alla prima soluzione, ce la potrà dare solo Unetenet nelle prossime settimane. Non abbiamo la possibilità di collaborare o influire su questa scelta. Possiamo solo aspettare.
Come vi ho detto in precedenza seppur delusi dagli avvenimenti degli ultimi mesi, abbiamo motivo di avere ancora una speranza che il tutto possa proseguire e trasformarsi in una società seria, nonostante nella storia non ci siano  analoghi casi di successo.

La terza soluzione, quella del piano mutualistico l’abbiamo affrontata nell’articolo del 23/12/2014 su SALVANET, ci rimane ora solamente la seconda soluzione, quella di un intervento legale.

Dopo aver consultato alcuni studi legali, abbiamo intervistato l’avvocato Calogero Boccadutri, che è stato molto disponibile, chiaro e ci è sembrato uno dei pochi affidabili e preparati fra quelli contattati.

Molti di voi ci hanno posto delle domande, le ho raccolte tutte in modo che potesse essere più facile rispondere, ecco a voi le risposte.

Buongiorno avvocato, intanto grazie per la sua disponibilità, fra l’altro a differenza di altri gratuita, volevamo fare alcune domande che potrebbero essere utili ai nostri lettori in modo che possano prendere una decisione

Buongiorno a voi lettori di Biz & Bit, spero di esservi d’aiuto e di chiarire alcuni punti importanti.

Quali garanzie di successo ci sono e quali sono le reali possibilità di recuperare i propri soldi?

Nessuna garanzia di successo. Trattandosi di truffe finanziarie le indagini sono molto complesse. Tuttavia se si riesce ad arrivare agli organizzatori della truffa si potrebbe instaurare una causa risarcitoria.

Quanto ci può costare un operazione del genere?

Per la controversia stragiudiziale i costi sono proporzionali alle somme trasferite ad Unetenet e vanno da circa €100,00 per chi ha investito sino a € 3.500,00 a circa € 900,00 per chi ha investito più di € 50.000,00

Cosa rischiano le persone che hanno proposto questo business ad altre persone? I famosi sponsor per intenderci…

Nulla in quanto a loro volta, trattandosi di vendite piramidali, sono state truffate e a loro volta denunciano. La responsabilità è del vertice.

Quali potrebbero essere i tempi per riavere indietro i propri soldi, in caso di successo?

Non si può dire con certezza quali saranno i tempi. Se si riesce a ottenere il sequestro conservativo delle somme trasferite presso le banche straniere i tempi potrebbero non essere così lunghi, in caso contrario andremmo incontro ad periodo di tempo più lungo.

E come possiamo agire se siamo già stati truffati?

La strategia difensiva verrà fatta non appena raccoglieremo tutta la documentazione trasmessa dai vari clienti che fino ad ora ci hanno contattato. Credo che faremo un’istanza di sequestro conservativo presso le banche dove sono state trasferite le somme investite dai nostri clienti e/o proveremo anche a perseguire i responsabili presso tutte le sedi giudiziarie italiane e straniere sotto i profili civili, penali ed internazionali

E se invece decidessimo di aspettare qualche settimana e agire più avanti?

Per ottenere il sequestro conservativo sarebbe meglio agire prima possibile per evitare che le somme di denaro che sono state trasferite con bonifico presso una banca vengano fatte sparire. A questo punto diventerebbe più difficile.
Da un punto di vista penale, qualora ci fossero i presupposti, l’eventuale truffa che potrebbe configurarsi è reato procedibile a querela di parte. L’art. 124 c.p. prescrive che la querela sia presentata nel termine perentorio di tre mesi dalla notizia del fatto costituente reato.

La giurisprudenza ha chiarito che tale termine comincia a decorrere dalla effettiva conoscenza del fatto che ha la persona offesa, anche in relazione alla sua qualifica di reato e alla individuazione dell’autore. Si può, ad esempio, sapere che è accaduto un determinato evento, ma non avere subito gli elementi per qualificarlo quale reato, oppure può esserci bisogno di tempo per esperire alcuni accertamenti al fine di conoscere chi è l’autore del fatto. In tali casi il termine comincerà a decorrere dal momento in cui il quadro oggettivo e soggettivo sarà completo, indipendentemente dal momento in cui si è verificato il fatto.

Inoltre, l’onere di provare che la querela è stata proposta non tempestivamente grava su chi vuole far valere la decadenza, e l’eventuale incertezza deve essere interpretata a favore del querelante.

Soltanto se la truffa è aggravata non vale il termine di 3 mesi. Ognuno deve sapersi fare i conti propri.

Perchè a suo avviso, Unetenet, è da considerare una truffa?

Se uno trasferisce delle somme di denaro presso una piattaforma on line dietro la promessa di facili guadagni e queste non vengono mantenute e inoltre qualora non sia possibile disporre delle somme investite nel senso che non sia possibile prelevare dal proprio wallet allora potrebbe essere considerata una truffa.

E se Unetenet tornasse a pagare?

Vorrebbe dire che non è una truffa, essendo presupposto del reato la volontà della parte attiva di arricchirsi a danno di un altro. Nucleo essenziale del delitto in parola è l’inganno col quale una persona viene indotta a compiere un atto, positivo o negativo, che importa una diminuzione del suo patrimonio con profitto ingiusto dell’agente o di altri. L’inganno deve essere ottenuto principalmente tramite artifizi o raggiri. La condotta deve, però, causare anche l’errore il quale, a sua volta, deve dare origine a una disposizione patrimoniale. Come si vede le modalità della condotta sono complesse ed articolate.

Quali consigli può darci per evitare di incappare nella rete e rimanervi intrappolati, perdendo tempo e denaro?

Il consiglio che do a tutti i miei clienti è quello di diffidare da facili guadagni, soprattutto on line, e aggiungo che anche quando le piattaforme di forex trading siano serie è meglio non cimentarsi in un mercato in cui anche i professionisti hanno serie difficoltà ad avere grandi profitti.

Avvocato grazie ancora della disponibilità, e mi permetta di lasciare il suo contatto alle persone che ne vorranno beneficiare.

Se avete interesse o intenzione a procedere o semplicemente avete ulteriori domande scrivete direttamente l’avvocato.

Noi di Biz & Bit seguiremo gli eventi anche per quanto riguarda questa opportunità e vi terremo aggiornati.

Vi auguro una buona giornata.

Ale